Prato Verde è un’azienda di Padova, distributore italiano della Toro, la più grande impresa multinazionale nel campo del giardinaggio, domestico e professionale. “Lavoriamo a 360 gradi – spiega il responsabile Gian Domenico Dorigo -, dalla consulenza per piccoli terrazzi a grandi parchi o campi da golf e stadi, verde sportivo incluso”. Ciò che distingue Prato Verde e Toro da altre aziende del settore è l’attenzione per il risparmio e per l’ambiente: “Stiamo portando avanti una battaglia non facile per diffondere un modo più efficace, ecologico ed ecocompatibile di vivere il verde e di curarlo. Ad esempio, oggi, con le tecnologie moderne, si può ottenere un sostanzioso risparmio idrico”.  In particolare, Toro è stata la prima azienda al mondo a introdurre un sistema di sminuzzamento dell’erba in modo che lo sfalcio si possa riutilizzare per far crescere le piante. “L’erba falciata è un fertilizzante, i prati in cui viene utilizzato questo sistema hanno bisogno del 50% di fertilizzanti esterni in meno”.

Ma è ancora così difficile introdurre sistemi a basso impatto ambientale? “Sì – continua Dorigo – perché si contrasta la mentalità, prevalente finora, di scarsa attenzione nei confronto della compatibilità con l’ambiente. Sotto i nostri occhi abbiamo esempi macroscopici di come l’acqua venga sprecata con impianti di irrigazione che restano in funzione anche quando piove. Oppure pensiamo a tutta l’erba che viene falciata e portata in discarica: è una cosa pazzesca, non ci rendiamo conto che buttiamo via una risorsa. Toro, tra le altre cose, ha creato un macchinario che permette di programmare automaticamente il sistema di irrigazione, inclusi quelli a goccia che vengono usati per gli alberi, evitando così inutili dispersioni. Un po’ alla volta, investendo molto nella comunicazione durante fiere e manifestazioni di settore, stiamo cercando di introdurre questo approccio differente, basato sul principio del riciclo, che permette di risparmiare evitando di sprecare preziose risorse naturali”.

di Giulia Foschi
Redazione www.biodiversitywar.it

Fondazione BioHabitat

segui le storie con il magazine biodiversitywar 

Entra con noi in “Un Viaggio fatto di Uomini, di Semi e di Piante”