Altimenti Bio è il titolo del percorso dei contenuti del “Treno della Biodiversità di Biodiversity.bio”, progetto di comunicazione promosso dalla Fondazione BioHabitat.

Durante i primi mesi del 2017, sono state realizzate dalla nostra redazione, diverse interviste dedicate alla situazione del Biologico in Italia e nel mondo. Le voci di testimonial e i dati delle inchieste sul mercato nazionale e il futuro del Biologico in Italia ci ha permesso di attivare un percorso a tappe di eventi dedicate a  confronti in ambito territoriale, un tavolo virtuale della piattaforma ed eventi che saranno programmati da settembre 2017 e per tutto il 2018, partendo da queste date:

Bologna  8-11  e 25-29 settembre .
Presenza del progetto Biodiversity.Bio anche nelle Fiere Sana e Cersaie
Bari Agrilevante 12-15 ottobre

storie, valori e tradizioni anche nel soggetto del cortometraggio a episodi in produzione
(episodio 1)

Il tema trattato nell’ultimo trimestre partirà da questi punti e prevede appuntamenti con interviste e format video dedicati

Altrimenti Bio – Eventi e approfondimenti giornalistici
Biologico Certificato
Imprenditori, ricercatori, fondazioni e associazioni di categoria a confronto
(olio, vino, ortofrutta, api e miele, florovivaismo, piante officinali)

La filiera biologica, la diversificazione, welfare rurale, i sistemi di controllo, innovazione, adattamento ai cambiamenti climatici, l’imprenditoria giovanile, agricoltura sociale, fattorie didattiche, fiducia del settore.
Oggi un’opportunità per discutere di:
*valorizzazione congiunta con i prodotti DOP e IGP
*diffusione della filiera corta
*educazione nelle scuole e il futuro nelle università e percorsi formativi
*il marchio biologico italiano
*situazione bio-distretti
*il mercato mediterraneo e internazionale
*agricoltura biologica e biodinamica
*certificazione di gruppo
*alimentazione, produzioni frutticole,
*contenimento delle specie erbacee infestanti

Atri eventi in programma “Atrimenti Bio”:

Prodotti ecosostenibili
Nuovi materiali e nuove tecnologie
Architettura e Design
Gestione del Verde e delle pubbliche con tecniche di agricoltura biologica
Multifunzionalità in Agricoltura
Biodiversità ed ecosostenibilità

E’ possibile iscriversi per partecipare ai convegni in qualità di relatori, testimonial imprenditoriali, ricercatori e portavoce di progetti a tema.

Contattare la redazione e produzione
eventi@biodiversity.bio
segreteria 051/2910424
oppure per il periodo estivo 347/5109352
(per iscrizioni convegni settembre 2017)

LA SCHEDA DI REDAZIONE

Da dove partiamo? Biologico nel mondo e in Italia ma perché Certificato?:

81,6 miliardi di dollari (circa 75 milioni di euro) di fatturato mondiale (erano 60 miliardi di dollari nel 2010), 43,7 milioni di ettari coltivati (più 7,2% rispetto al 2014), 2,4 milioni di operatori (più 14,7% rispetto al 2014). Sono questi i numeri del biologico su scala mondiale (dati rapporto 2016 “The World of Organic Agriculture”)

L’Europa è caratterizzata da una produzione che cresce più lentamente rispetto alla domanda e in agricoltura biologica l’Italia è al sesto posto nel mondo con 1,49 milioni di ettari. Siamo come paese in praticamente in ogni classifica relativa alla produzione biologica.

D’altronde la crescita del mercato nostrano mostra cifre elevatissime (+ 40% della domanda interna tra il 2014 e il 2016, fonte Nomisma, Nielsen, Assobio). E’ chiaro, in conclusione, che c’è spazio per un forte aumento della produzione biologica (anzi, l’aumento è necessario), e che è questo il momento per impegnarsi nella produzione di qualità, nella collaborazione tra imprese e nella comunicazione del mondo del biologico.

Guardando i dati, nel 2016 siamo cresciuti del 19% come consumi interni, mentre sull’export non ci sono dati ufficiali. Parliamo comunque di 4 miliardi di euro di fatturato complessivi, dei quali 3 sul mercato interno. Contiamo circa 60mila imprese, in gran parte agricole, sul territorio nazionale; siamo attorno al miliardo e mezzo di ettari, corrispondenti al 10% della produzione agricola complessiva (intervista della redazione a Paolo Carnemolla – Presidente Federbio)

Biologico, approvato decreto controlli – approvato il 16/06/2017
tra le novità principali:

– gli operatori del biologico non possono detenere partecipazioni societarie degli organismi di controllo,

– gli organismi di controllo non possono controllare per più di 5 anni lo stesso operatore,

– gli organismi di controllo devono garantire adeguate esperienza e competenza delle risorse umane impiegate.

– nuovi obblighi di comportamento degli organismi di controllo, che discendono dai principi di trasparenza e correttezza e conseguenti sanzioni amministrative pecuniarie, con funzioni deterrenti.

approfondimenti “Piano strategico nazionale per lo sviluppo del sistema biologico”